Convivere con il diabete durante l’emergenza sanitaria

Pubblicato il in News.
Le persone affette da diabete sono più a rischio di sviluppare complicanze in seguito a infezione da Covid-19.
I diabetici che, spesso sono anche pazienti obesi, sono stati purtroppo tra i più colpiti dalla prima ondata della pandemia, considerata anche la diffusione di diabete ed obesità tra la popolazione generale, e in particolare tra gli anziani.
Si calcola che, nelle diverse parti del mondo, dal 20 al 50% dei pazienti con Covid-19 fossero persone con diabete, molti dei quali con una concomitante cardiopatia ischemica.
La storia della malattia diabetica evidenzia infatti come tale patologia sia associata, in generale, ad una maggiore predisposizione alle infezioni. Uno scarso controllo glicemico è infatti alla base di alterazioni del sistema immunitario e può favorire le più note infezioni del diabetico, ad esempio a livello del piede, delle alte e basse vie respiratorie, delle vie urinarie ecc..
Il ruolo della prevenzione da Covid-19 diventa quindi ancora più determinante per le persone affette da diabete  ma anche conoscere le raccomandazioni e le misure da adottare in caso di infezione da Covid-19, può fare certamente la differenza per un paziente diabetico.

Per quanto è noto fino ad oggi, il decorso e l’esito della malattia virale risultano essere peggiori nei pazienti affetti da diabete mellito.

Abbiamo chiesto alla Dr.ssa Milena Colzani, Diabetologa e Specialista in Scienze dell’alimentazione e in Medicina interna di indicarci le misure e le raccomandazioni da dare a un paziente diabetico affetto da Covid-19.

GESTIONE DEL DIABETE NEL PAZIENTE ASINTOMATICO

Raccomandazioni per i pazienti

  • è importante che il paziente diabetico mantenga un buon controllo glicemico, in quanto potrebbe aiutare a ridurre il rischio di infezione e anche la gravità;
  • è necessario un monitoraggio più frequente dei livelli di glucosio nel sangue;
  • un buon controllo glicemico può ridurre anche le possibilità di contrarre una polmonite da sovrainfezione batterica;
  • i pazienti con diabete e malattie cardiovascolari e renali coesistenti necessitano di maggior attenzione perché a rischio più elevato;
  • è importante garantire un’adeguata alimentazione ed effettuare esercizio fisico per migliorare le risposte immunitarie, evitando i luoghi affollati;
  • è importante effettuare le vaccinazioni contro l’influenza e la polmonite in quanto possono ridurre le possibilità di polmonite batterica secondaria a infezione virale, anche se non sono disponibili dati per la presente epidemia virale.

GESTIONE DEL DIABETE NEL PAZIENTE CON INFEZIONE LIEVE

Raccomandazioni per i pazienti

  • i pazienti con diabete di tipo 1 devono misurare frequentemente la glicemia e i chetoni in caso di febbre con iperglicemia.
  • frequenti cambiamenti nel dosaggio insulinico e nel bolo correttivo possono essere richiesti per mantenere la normoglicemia.

Raccomandazioni per gli operatori

  • la maggior parte dei pazienti ha una malattia lieve e può essere gestita a casa. Deve essere garantita un’appropriata idratazione e può essere somministrato un trattamento sintomatico con paracetamolo;
  • i farmaci antidiabetici che possono causare ipoglicemia devono essere evitati; in presenza di sintomi respiratori ingravescenti, è consigliata la sospensione della metformina;
  • potrebbe essere necessario ridurre il dosaggio dei farmaci antidiabetici orali e comunque è necessario un monitoraggio più frequente.